Azienda

Vecchietti

  • 1.jpg
  • 2.jpg
  • 3.jpg
  • 4.jpg
  • 5.jpg
  • 6.jpg
  • 8.jpg
  • bietola.jpg
  • carciofi.jpg
  • cavoloviola.jpg
  • insalate.jpg
  • radicchi.jpg
  • san giorgio.jpg
  • trasformati.jpg

FARINA DI GRANO TENERO VARIETA' BOLOGNA E TIEPOLO

nella versione integrale o semiintegrale (tipo 1 e 2) è adatta per la panificazione : pane tigelle pizza crescentine

 

FARINA DI GRANO SEMIDURO VARIETA' MIETI

nella versione bianca è adatta per la sfoglia: tagliatelle tortellini lasagne...

 

Le crescentine montanare sono comunemente note come "tigelle", anche se si tratta di un nome improprio. "Tigelle" è il nome degli stampi di terracotta con cui una volta si cuocevano le crescentine nelle zone montane dell'Appennino Emiliano. Le tigelle sono quindi dei dischi di terracotta che si mettevano a scaldare fra le braci del camino e che poi si impilavano inframezzate dall'impasto e foglie di castagno per aromatizzare finché non fosse ben cotto.

Le crescentine montanare, o tigelle, oggi si preparano in apposite tigelliere da mettere sul fuoco e si gustano affettate e farcite con pesto modenese, affettato, formaggi freschi e accompagnate da verdure sottaceto.

INGREDIENTI

  • 500 g di tarina di grano tenero tipo 00
  • 10 g di sale fino
  • 100 ml di latte intero
  • 100 ml di acqua minerale naturale
  • 25 g di lievito-birra oppure lievito madre in quantità di circa 150 gr
  • 25 g di strutto
  • olio-semi-arachide per ungere la tigelliera

VARIANTE VEGETARIANA

Sei vegetariano e vuoi realizzare questa ricetta?

Al posto dello strutto unire un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva.

INFORMAZIONI

  • 4 persone
  • 500 Kcal a porzione
  • difficoltà media
  • pronta in 2 ore e ½
  • si può preparare in anticipo
  • si può mangiare fuori

PREPARAZIONE

  • Setacciare la farina in una terrina ed unirvi il sale, mescolando accuratamente affinché i due ingredienti si miscelino il meglio possibile. E’ importante fare in modo che non si formino agglomerati di sale, perché sarebbero in grado di far lievitare male l'impasto.
  • Miscelare il latte con l'acqua in un pentolino e far appena intiepidire su fiamma bassa, quindi sciogliervi il lievito.
  • Unire la miscela alla farina, assieme allo strutto.
  • Impastare fino ad amalgamare gli ingredienti, quindi portare il composto sulla spianatoia.
  • Lavorarlo di polso fintanto che si forma un impasto morbido ed elastico.
  • Formare una palla, inciderla a croce, coprirla e farla lievitare per almeno 1 ora in un luogo ben riparato.
  • Stendere la pasta con il matterello in una sfoglia di mezzo centimetro e con un tagliabiscotti rotondo del diametro di 8 centimetri ricavare le crescentine. Metterle tutte su un ripiano, coprirle con uno strofinaccio pulito e farle lievitare per un'altra mezz'ora.
  • Ungere con olio di semi di arachide la tigelliera e farla ben riscaldare sul fuoco.
  • Sistemare dentro ogni scomparto un pezzetto di pasta, chiudere e cuocere per un minuto circa per lato. Il tempo di cottura dipende molto dallo spessore del metallo e dall'altezza della fiamma. La cottura deve essere piuttosto rapida, ma non eccessivamente, altrimenti le crescentine bruciano fuori e non cuociono dentro.
  • Man mano che sono pronte metterle in un cestino ben avvolte in uno strofinaccio, che le manterrà calde.
  • Servire accompagnate da pesto modenese, affettato, formaggi freschi e verdure sottaceto.